Carrello acquisti  

Il carrello è vuoto.

Collane

Scelto per voi

Le isole del re Cremisi
Le isole del re Cremisi
€12.90 €10.97 Risparmi: 15.00%


La Facoltà di Giurisprudenza
La Facoltà di Giurisprudenza
€22.00 €18.70 Risparmi: 15.00%


Freschi di stampa

recensione al "Libro di Architettura" PDF Stampa E-mail
la Repubblica, 25 ottobre 2007

La scoperta di Alfio Vinci analfabeta e re delle cupole
Per un ricercatore il ritrovamento di un manoscritto anonimo e senza titolo può trasformarsi nell'inizio di un'affascinante avventura. individuare tracce, seguirle, collegare sino a ricomporre un quadro che prende vita, he diventa un mondo fitto di personaggi e passioni, è quanto a fatto Nicola Aricò, dal lontano incontro con un piccolo codice conservato nella Biblioteca universitaria di Messina. [...] Amelia Crisantino
Leggi tutta la recensione in pdf



Gazzetta del Sud, 27 settembre 2007

Riscoprire la memoria di Messina attraverso le sue fortificazioni
Riscoprire la storia e la memoria della città dello Stretto partendo dalle sue fortificazioni. E dando vita a quella fortunata combinazione tra cultura e turismo, già sperimentata in altre realtà.
Se ne è tornato a parlare ieri a Palazzo Zanca, in occasione della visita del sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, giunto a Messina per prendere parte alla presentazione del del prof. Nicola Aricò. A distanza di circa un anno dalla stipula del protocollo d’intesa tra il comune messinese e quello veneziano per l’individuazione di un percorso finalizzato alla promozione culturale e turistica dei forti, Cacciari ha evidenziato l’importante attività svolta dalla “Marco Polo system Geie”, la società che si occupa di valorizzare il patrimonio delle fortificazioni veneziane presenti nel Mediterraneo. Partendo proprio dalle fortezze della città lagunare. “Studia, promuove e valorizza – precisa il primo cittadino di Venezia – da quando esiste, abbiamo avuto innumerevoli riscontri positivi”. Che si auspica di registrare quanto prima anche in riva allo Stretto, dove il tempo non ha scalfito il tradizionale carattere di città fortezza che Messina ebbe sin dall’antichità, grazie a quei forti sui quali ancora oggi è possibile scommettere Un argomento su cui il sindaco, Francantonio Genovese, ha assicurato che si sta lavorando. Solo poche parole, invece, Cacciari ha dedicato al Partito democratico: “Un parto difficile. Adesso, dobbiamo vedere come andrà”. Poi, si è soffermato sull’opera realizzata dl prof. Aricò. Il tentativo di scrivere un “libro di testo” per insegnare l’architettura alla fine del Cinquecento che trae la propria ragion d’essere dalla trattativa tra Senato messinese e Compagnia di Gesù. “Un testo che invita a considerare Leon Battista Alberti e tutto il significato dell’Umanesimo italiano - afferma Cacciari, ordinario di estetica - che ancora né gli idealisti, né i filosofi d’oltralpe hanno capito. La grande tesi di questo Umanesimo è che il sapere non può essere normato a priori. Al contrario, va composto nel linguaggio come esperienza vissuta. Abbiamo bisogno di falegnami filosofi e filosofi falegnami”. Alla presentazione del libro, introdotto da Genovese, sono intervenuti anche il rettore dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, Massimo Giovannini, il preside della facoltà di scienze Politiche, Andrea Romano e il prof. Marco Rosario Nobile dell’ateneo palermitano. Marianna Barone



Gazzetta del Sud, 25 settembre 2007

Un' "utopia didattica" destinata agli architetti
Nella Biblioteca regionale Universitaria di Messina si conserva un manoscritto anonimo (datato al sec. XVII, ma risalente all'ultimo scorcio dei Cinquecento), che contiene un prezioso manuale per gli apprendisti architetti destinati a lavorare nei cantieri dell'ordine dei gesuiti. [...]
Giovanni Lombardo
Leggi tutta la recensione in pdf
 




gem








sicania







mesogea




ATTENZIONE stai visitando il sito con Internet Explorer 6 (IE6).

Il tuo browser necessita di essere aggornato alla versione 7 di Internet Explorer (IE7) senza questo aggiornamento la navigazione del sito potrebbe essere compromessa.

Perr quale motivo dovrei aggiornare Internet Explorer 7? Microsoft ha migliorato Internet Explorer sotto diversi aspetti, primo fra tutti quello relativo alla sicurezza. Tieni presente che virus, trojan e spyware possono infiltrarsi nel tuo computer con estrema facilit se utilizzerai ancora internet explorer 7. Un altro motivo per aggiornare la versione del tuo internet explorer la velocit di navigazione, la versione che utilizzi in questo momento compromette anche la velocit di apertura delle pagine internet.

Scarica adesso il tuo aggiornamento a Internet Explorer 7, visita il sito della Microsoft clicca questo link.

Gentili clienti, utilizziamo i cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione all'interno dei nostri siti web. I cookies vengono utilizzati per operazioni essenziali del sito. Per saperne di più riguardo ai cookies, visitate la nostra pagina che parla di politiche sulla privacy.

Cliccando sul pulsante accetti l’utilizzo dei cookies.

vai al sito garanteprivacy.it